Matrimoni post Covid in Puglia: nuove linee guida della Regione  - 
17363
post-template-default,single,single-post,postid-17363,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Matrimoni post Covid in Puglia: nuove linee guida della Regione

Linee guida regionali per i matrimoni post Covid.

Dopo mesi di incertezza, con grande felicità e un pizzico di commozione, siamo lieti di comunicarvi che a Casa Freda, una tra le sale ricevimenti a Foggia, ripartono i matrimoni. Ma come saranno i matrimoni post Covid e cosa sarà concesso fare o no? Di seguito vi daremo tutte le informazioni specifiche in merito alle misure di sicurezza da prendere in considerazione per dirsi “Sì, lo voglio”.

Ripartono i matrimoni in Puglia

La Regione Puglia nella sua recente ordinanza ha delineato quelle che sono le misure da rispettare e gli accorgimenti da seguire per un matrimonio post Covid.

Un primo accenno di apertura si era già avuto il 12 giugno, quando con l’ordinanza regionale si erano determinate le prime riprese. Poi, l’8 luglio, è arrivata la riapertura definitiva che riguarda non solo i matrimoni ma in generale le feste e le occasioni di assembramento. Ogni location può gestire come crede l’evento a patto che rispetti le norme di sicurezza.

Linee guida: gli spazi

  • Gli spazi della nostra location sono riorganizzati, in base alle condizioni logistiche e strutturali, con il fine di evitare gli assembramenti ed assicurare le misure di distanziamento interpersonale (almeno un metro tra una persona ed un’altra).
  • Sono da privilegiare gli spazi all’aperto in quanto presentano minori rischi di trasmissione del virus.
  • I tavoli sono distribuiti e distanziati in modo che le sedute garantiscano il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro, fatta eccezione per i tavoli composti da persone che non siano soggette al distanziamento interpersonale in quanto conviventi, congiunti, persone che intrattengano tra loro relazioni sociali abituali (frequentatori/commensali abituali) e persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale. Detto aspetto afferisce alla responsabilità individuale del cliente, per cui è facoltà dell’azienda richiedere in forma preventiva autocertificazione scritta ai sensi del DPR 445/2000.
  • La distanza minima tra tavoli adiacenti, considerando l’ingombro delle sedie, è di almeno 2 metri (0,5+0,5+1m), considerando il passaggio degli addetti al servizio di somministrazione.

 

Regole nei ricevimenti

  • I commensali in ambienti interni ed esterni non avranno l’obbligo di indossare la mascherina chirurgica nei casi di allontanamento dal proprio tavolo (recarsi in bagno, al bar, ecc.), a condizione di rispettare il distanziamento interpersonale di 1 metro, se soggetti non conviventi, congiunti, persone che intrattengano tra loro relazioni sociali abituali (frequentatori/commensali abituali) e persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale.
  • Si consiglia l’adozione di menù unico al tableau marriage e/o menù individuali ad uso esclusivo dell’ospite e dell’evento, al fine di ridurre il servizio del personale di sala ai tavoli.
  • Salse, pane, cracker, grissini potranno essere somministrati ai singoli consumatori/clienti in monoporzione non confezionata, ma servita direttamente con utilizzo di pinze.
  • Piatti, bicchieri, posate e simili saranno lavati in lavastoviglie a temperatura adeguata, concordemente alla normativa HACCP già in vigore.
  • È consigliabile l’uso di segnaposto e/o altro sistema equipollente, in modo da rendere stabili le postazioni ai tavoli.
  • La somministrazione nelle postazioni bar o nei banchi di servizio di caffè, amari, cocktails, ecc. è consentita nel rispetto del distanziamento interpersonale tra i non conviventi, tenendo conto che non dovrà realizzarsi assembramento rispetto alla capacità di servizio del banco.
  • Il servizio guardaroba viene fornito solo se è possibile evitare il contatto tra i capi d’abbigliamento dei diversi ospiti (ad esempio, mantenendo adeguate distanze o utilizzando copri-abito monouso).

 

Linee guida nei confronti di fornitori

  • Le modalità di lavoro e utilizzo dei locali da parte di fornitori di servizi esterni, quali musicisti, fotografi, fioristi e wedding planners, saranno preventivamente concordate con la nostra struttura stessa, in modo tale da garantire il rispetto delle condizioni di sicurezza.
  • I fotografi dovranno indossare la mascherina chirurgica qualora debbano avere una distanza interpersonale inferiore a 1 metro dalla clientela e organizzare il servizio fotografico in modo responsabile e prediligendo i criteri di prevenzione anzidetti, quali regole comuni per chiunque.
  • I gruppi musicali dovranno distanziarsi dal pubblico per almeno 3 m, qualora non provvisti di barriere anti droplets in prossimità del microfono. Dovranno indossare la mascherina chirurgica esclusivamente nel caso in cui debbano spostarsi nelle aree comuni interne (recarsi in bagno, al bar, ecc.). Particolare attenzione e/o idoneo presidio monouso dovrà essere impiegato nell’utilizzo del microfono, qualora non di uso strettamente personale.
  • Gli eventi con ballo in spazi interni andranno organizzati con tempistiche predefinite, garantendo una superficie pro capite pari a 2 metri quadri, potenziando il ricambio d’aria dei locali.
  • Sono consentiti spettacoli e/o esibizioni artistiche di qualsiasi natura purché possa sempre essere rispettata la distanza interpersonale di un metro.

 

Limiti

  • Non è permessa la classica modalità di somministrazione di buffet a self‐service, mentre è consentito, fatto salvo il rispetto della distanza interpersonale, un servizio di selezione di alimenti esposti ovvero in modalità show cooking, distribuito dal personale di sala.
  • Non è consentito allestire il buffet al tavolo, se non in confezioni monoporzioni. Fa eccezione a tale prescrizione il servizio a nuclei di conviventi, congiunti, persone che intrattengano tra loro relazioni sociali abituali (frequentatori/commensali abituali) e persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale, che potranno condividere portate di alimenti in modalità promiscua.

 
La Regione Puglia nella sua ordinanza per i matrimoni post Covid-19 ha quindi implementato una serie di regole ferree e molto chiare che consentono di tornare alla normalità, facendo leva sulla coscienza di tutti gli invitati che potranno comunque divertirsi e godersi un giorno speciale insieme agli sposi.

Nessun Commento

Pubblica un Commento